Torre Campanaria.jpg

Acqua,Vino e Sale.
Cagliari e la sua storia, con un focus sul tema benessere e sull'ottima qualità della vita, attraverso i benefici delle sue acque e del suo microclima unico al mondo.

Ottobre 2021

Programma 1 due notti

Torre camp.jpg
Cripta cattedrale.jpg
Cattedrale.jpg

Giorno I Cagliari

Arrivo individuale a Cagliari e ritrovo alle ore 10.00 fuori dalla stazione ferroviaria .
Con una passeggiata nel centro storico, raggiungeremo la Cattedrale di Santa Maria, o Duomo di Cagliari, Costruita nel XIII sec.in stile romanico-pisano, subì nel corso dei secoli varie trasformazioni in stile gotico, barocco e neoromanico.

All'interno della Cattedrale si trovano diversi ambienti sotterranei destinati alle sepolture di numerosi personaggi. 

L'interno della chiesa, con pianta a croce latina, si presenta a tre navate con transetto e cappelle laterali. 

Edificato nel XIII secolo, il campanile raggiunge un'altezza di 36 metri e la sua terrazza è situata a circa 130 metri sul livello del mare che dopo 137  gradini, regala una vista mozzafiato che  abbraccia tutta la città. 

Visita guidata al quartiere di Castello che custodisce le testimonianze più importanti di età medievale, soprattutto dal punto di vista architettonico e storico-artistico. Ancora oggi buona parte delle fortificazioni pisane caratterizzano prepotentemente il volto dell'acropoli cittadina, che costituisce una delle cartoline più apprezzate e pregevoli del centro isolano.

Pranzo nel quartiere storico della Marina, sistemazione nelle camere riservate presso l’hotel Palazzo Doglio, cat. 5 stelle, pomeriggio libero e mezza pensione più pernottamento in hotel.

Giorno II

Verso i tesori FAI Saline Contivecchi

Prima colazione in hotel e partenza in pullman alle ore 09.00.

Trasferimento Saline FAI Conti Vecchi.

Sui 2700 ettari dello Stagno di Santa Gilla si estendono le saline più longeve della Sardegna: da quasi 90 anni, uomo e natura lavorano qui in perfetta sinergia grazie alla lungimirante impresa dell’Ing. Conti Vecchi che, alla fine degli anni ’20, realizzò un ambizioso progetto per bonificare lo stagno impiantandovi una colossale salina e contribuendo così allo sviluppo economico e sociale di questa zona depressa ai margini della città. Ne nacque una realtà industriale florida, virtuosa e all’avanguardia: un impianto produttivo eco-sostenibile e autosufficiente intorno al quale orbitava una ‘comunità del sale’ dotata di case, scuole e strutture ricreative per le famiglie di proprietari, dirigenti e operai che convivevano nel villaggio di Macchiareddu.

 

Dopo la guerra, negli anni ’70 il complesso passò alla SIR Rumianca e nel 1984, a seguito della crisi energetica e industriale, venne assegnato ex lege a Eni che, nel tempo, ha avviato un progetto di riqualificazione industriale e di bonifica attraverso Syndial - società che fornisce servizi integrati nel campo del risanamento ambientale - e che nel 2017 ha affidato al FAI la valorizzazione di questo patrimonio culturale e paesaggistico. Una vicenda divenuta oggi un racconto in cui immergersi percorrendo gli ambienti storici di Direzione, Uffici e Laboratorio chimico, ripristinati nell’aspetto originale, così com’erano negli anni ‘30. Un salto nel tempo che si accompagna a grandi ed evocative videoproiezioni nell’Officina e nell’ex-Falegnameria, dedicate alla storia e al funzionamento delle Saline e al loro paesaggio dove, infine, ci si addentra a bordo di un apposito convoglio lungo un itinerario che si snoda tra vasche salanti e candide montagne di sale, immersi in un inconsueto e memorabile scenario popolato da centinaia di fenicotteri rosa.

Pranzo in ristorante e pomeriggio al sito archeologico di Nora

Saline.jpg
Saline 1.jpg
Saline 4.jpg
Nora.jpg

Nora Sito archeologico

Poche decine di chilometri a sud-ovest di Cagliari sorge uno dei siti archeologici più importanti della Sardegna, una prospera città, prima fenicia, poi cartaginese, infine importantissimo centro romano, un gioiello tramandatoci attraverso tre millenni.

Ma i primissimi abitanti della Città di Nora, furono gli antenati del popolo sardo la cosiddetta civiltà  nuragica. 

Nelle terme al mare della città era stato trovato un pozzo salvifico che veniva utilizzato dai nuragici per curarsi con l’acqua di mare. 

Era l’utilizzo del sale marino che dava caratteristiche uniche per densità salina alle nostre acque, con effetti terapeutici inimmaginabili. Possiamo infatti certamente dire che la thalassoterapia in Sardegna è unica al mondo per le sue incredibili proprietà curative in numerose specialità mediche. 

All’ingresso del parco, troverai ruderi delle terme, per cui Nora fu celebre. Attraverso le vie pavimentate, entrerai nel cuore dell’antica città.

Rientro in Hotel mezza pensione inclusa e pernottamento.

Giorno III

Visita alla chiesa di San Saturnino e pranzo al Poetto.

Prima Colazione in Hotel e check-out alle ore 11.00

Visita a piedi nella vicinissima Chiesa di San Saturnino.

Complesso paleocristiano datato prima del 5' secolo D.C. , che include la chiesa Bizantina-Protoromana (anche chiama Chiesa dei Santi Cosma e Damiano) e la necropoli Cristiana, nella quale sono stati trovati molti resti del periodo Bizantino e Romano.

Sorta come Martiryum del martire cagliaritano Saturnino, la basilica venne donata nel 1089 ai monaci Vittorini di Marsiglia, che vi istituirono un priorato e ristrutturarono la chiesa secondo i canoni del romanico provenzale. Nella prima metà del 1300, durante l'assedio catalano, il monastero venne gravemente danneggiato, cadendo del tutto in rovina un secolo dopo. La chiesa fu restaurata nuovamente intorno al 1484. Intorno al 1614 ebbero inizio gli scavi per la ricerca dei cosiddetti "corpi santi" (reliquie di martiri o presunti tali), mentre nel 1669 la basilica fu in parte smantellata per ricavarne materiali utili alla ristrutturazione della cattedrale. Nel 1714 la chiesa fu concessa alla corporazione dei Medici e degli Speziali, che la intitolarono ai protettori SS. Cosma e Damiano. 

San Saturnino.jpg
San saturnino 1.jpg

Poetto e pranzo al Lido di Cagliari.

La spiaggia del Poetto, lunga otto chilometri e dominata dal promontorio della Sella del Diavolo, è uno dei luoghi simbolo di Cagliari, amato e frequentato dai turisti d'estate e dai residenti nell'arco di tutto l'anno.

Il benessere a 365 gradi viene sprigionato dal microclima che si crea nel golfo durante tutto l'anno. 

L’acqua ha una temperatura minima che non scende mai sotto i 10 gradi, nemmeno nei mesi più freddi. 
E’ un’acqua non stagnante ma relativamente ferma, e questa caratteristica dà un grado di salinità, misurato con i gradi Baumé (Bé)) di 1,5 gradi.
Questo particolare rende l' acqua di mare il più efficace antinfiammatorio naturale con effetti terapeutici, e dermatologici innumerevoli.

Passeggiata e pranzo nello storico stabilimento balneare “Il Lido” dal 1914. 

Trasferimento in aeroporto.

Poetto.jpg
Sanluri Castle.jpg
1626856549-3-vigne-1.jpeg
Barumini.jpg

Programma 2

Tre notti

Giorno IV Castello di Sanluri pranzo alle Tenute Olianas & Barumini

Prima colazione e trasferimento per Sanluri con visita guidata al meraviglioso castello

L’unico ancora abitabile di 88 castelli medievali sardi, diventato affascinante museo, conserva forme risalenti alla metà del XIV secolo. Il castello detto di Eleonora d’Arborea, seppure è incerto se la giudicessa vi abbia soggiornato, sorge a Sanluri nel Medio Campidano, a 50 chilometri da Cagliari.

 Il pranzo ci conduce  alle meravigliose Tenute Olianas, nel cuore del Sarcidano.

Visita alle cantine, alla scoperta della filosofia Biointegrale e alle caratteristiche dei vini in anfora.

Le Anfore Olianas nascono da un’idea di enologia naturale e dalla volontà di creare vini autentici che raccontino e riflettano le caratteristiche dei diversi terrori e vitigni.
Le anfore di terracotta provengono in parte dalla Georgia (Caucaso) sostano sia sottoterra per il controllo naturale della temperatura, sia fuoriterra – in cantina, allineate assieme ai tonneaux.

Pomeriggio visita al complesso nuragico de

 su Nuraxi.

 Sito archeologico della Sardegna dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’Unesco (1997). La più preziosa eredità che la civiltà nuragica ci ha lasciato. Su Nuraxi, interamente realizzato in blocchi di basalto, presenta una stratificazione di duemila anni, dal XVI a.C. al VII secolo d.C. É un nuraghe complesso, composto da bastione con una torre centrale (alta 18 metri) e quattro angolari, e intorno da un labirinto di 50 capanne (risalenti al Bronzo finale), pozzi e cisterne. 

Rientro in hotel cena e pernottamento.

Programma 3

Quattro notti

Giorno V

Cagliari Sotterranea.

Prima colazione in hotel e incontro con la guida per raggiungere a piedi il quartiere della Marina.

Con un Itinerario insolito e affascinante esploreremo i principali siti ipogeici della città, tra archeologia, natura, arte e spiritualità.
Nel quartiere storico della Marina, si sviluppa il percorso archeologico urbano più ampio della Sardegna dell’area Archeologica di Sant'Eulalia.

 Inoltre visiteremo Piazza San Sepolcro con la Cripta omonima e nel quartiere di Stampace la Cripta di Santa Restituta.

In via Sant'Efisio possiamo ammirare la Cripta del santo patrono, che si trova sotto la chiesa omonima. 

Pranzo e pomeriggio liberi.

Conclusione del viaggio organizzato.

restituta__1.jpg